Il significato dei Pianeti in Astrologia.


Nei nostri articoli dedicati ai segni zodiacali, abbiamo sempre parlato dell’influsso dei pianeti, oltreché degli ascendenti. Ma che cosa intendiamo esattamente quando parliamo di pianeti, in senso astrologico?






I pianeti, in questo senso, rappresentano le dimensioni dell’esperienza umana: intelligenza, affettività, emotività, relazioni, energia, coraggio, intuizione, genialità, aggressività…
Dobbiamo immaginarci i pianeti come dei grandi contenitori di simboli che, in base alla posizione degli stessi nel tema natale di un soggetto, assumono significati diversi.

Un Mercurio nato sotto il segno del Cancro, per esempio, sarà ben diverso da un Mercurio in Leone. Ogni pianeta ha dunque un preciso significato in base al tema natale. Riusciremo a chiarirci meglio le idee nel proseguo dell’articolo.

In linea generale l’astrologia considera come pianeti 10 corpi celesti: il Sole, la Luna, Mercurio, Venere, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno e Plutone. Come sappiano, in astronomia Sole e Luna non sono certo considerati pianeti. Anche su Plutone, a livello astronomico, il dibattito è sempre acceso sul fatto che sia un pianeta o meno.

Iniziamo a dividere i pianeti in base a tre raggruppamenti:

Pianeti personali: (o pianeti in rapido movimento) simboleggiano la personalità dell’individuo: Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte.

Pianeti sociali: simboleggiano il rapporto tra individuo e società e come si colloca il soggetto all’interno di quest’ultima: Giove, Saturno.

Pianeti transpersonali: simboleggiano le dinamiche generazionali. Hanno orbite molto lunghe intorno al sole, sono letti in riferimento soprattutto ai pianeti personali e indicano dinamiche di trasformazione e cambiamento.

Nei prossimi articoli che dedicheremo a questo argomento, faremo una analisi attenta per tutti i pianeti e riporteremo le relazioni che ognuno di essi ha con tutti i segni zodiacali.

Intanto iniziamo con dare un piccolo ritratto di ogni pianeta, che ci servirà per meglio comprendere il funzionamento di questa delicata tematica. Chi conosce la mitologia greca, probabilmente sarà aiutato nella comprensione.

Mercurio
Mercurio simboleggia l’intelligenza, la logica, il rapporto mentale con il mondo esterno, la percezione del mondo attraverso la conoscenza, tutti i mezzi di espressione, la ragione, la critica, il calcolo, l’adattamento, lo sviluppo.

Marte
La qualità di Marte è quasi superfluo sottolinearla: il coraggio. Il dio della guerra spinge sul tasto dell’audacia ma non per tutti i segni si può parlare di “coraggio” con gli stessi accenti.

Venere
Venere è legata innanzitutto alla bellezza, al piacere e alla sfera affettiva. La capacità di amare, la capacità di amarsi, il senso estetico, l’armonia, l’inclinazione alle attività artistiche… sono tutte caratteristiche simboleggiate da questo pianeta.

Giove
Giove simboleggia la fiducia nella vita, gli ideali e i valori. Questo pianeta racchiude in sé tutte le forze di crescita che arricchiscono la vita. E’ il pianeta della maturazione, della fortuna, del benessere e della crescita dei propri orizzonti personali.

Saturno
Saturno simboleggia la struttura psicologica di base dell’individuo. E’ il pianeta della morale, della responsabilità, delle scelte importanti. E’ un pianeta che attraverso le limitazioni e le perdite forma la nostra coscienza.

Urano
Urano simboleggia la capacità di prendere decisioni, di cambiare, di svoltare, di percorrere strade nuove. E’ un pianeta che ha a che fare con la genialità ed anche con la sregolatezza. La libertà respira profondamente su Urano

Nettuno
Nettuno simboleggia la metamorfosi, la trascendenza e le azioni illusorie. La nostra razionalità può essere influenzata e confusa da questo pianeta. Ma Nettuno è anche il depositario di quell’energia che aiuta il nostro intuito, la nostra creatività e la nostra fantasia.

Plutone
Plutone simboleggia il potere e l’Inconscio. Questo pianeta ci racconta del nostro rapporto con il mondo magico, esoterico, con le forze nere, con i cicli della morte e della vita… E’ un pianeta pieno di misteri e sottolinea anche la nostra capacità di rigenerarci.

Vi riportiamo alcune righe da Wikipedia per quanto riguarda la voce astrologia, per sottolineare come l’importanza di questo metodo di conoscenza sia stato fondamentale in tutte le ere della storia dell’uomo. Anche se nell’ultima parte del secolo scorso si è cercato di ridurre tutta questa antica tradizione ad una favoletta per ebeti.

«Astra inclinant, non necessitant»
«Gli astri influenzano, ma non costringono»
(Tommaso d'Aquino)

Tutte le più importanti civiltà antiche hanno dedicato grande attenzione all'osservazione dei fenomeni celesti e sviluppato una propria astrologia. È possibile ricordare l'astrologia babilonese (di cui è erede l'astrologia occidentale), l'astrologia vedica o indiana (ancora oggi diffusa in India ma anch'essa erede dell'astrologia babilonese), l'astrologia cinese (sostanzialmente diversa da quella occidentale) e l'astrologia del popolo Maya nell'America Centrale.

Anche presso popoli primitivi è esistita una forma di astrologia, certamente meno avanzata rispetto a quella maturata presso le grandi civiltà a causa delle ridotte capacità matematiche, essenziali a definire il movimento degli astri. L'assenza di fonti scritte non permette una conoscenza dettagliata delle tecniche astrologiche praticate dai "popoli della natura", tuttavia si può dedurre che i principali punti di riferimento astrale fossero il Sole, la Luna, Venere e la stella Sirio, oltre ad alcune costellazioni (i due Carri, Orione, le Pleiadi).

In Europa, dopo una fase di declino nel corso del Medioevo, con la ripresa di interesse per l'astronomia del XIII secolo rinacque anche l'astrologia, tanto che Guido Bonatti, che visse in tale epoca, è considerato "il più autorevole trattatista di astrologia del Medioevo italiano"

L'astrologia, in quanto supposto strumento di previsione del futuro, ha avuto presso tutti i popoli del mondo forti legami con altre pratiche divinatorie, in particolare con la chiromanzia, la metoposcopia e la geomanzia. Al tempo stesso è stata, ed è tuttora, un essenziale punto di riferimento nelle pratiche magiche.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo articolo lascia pure un tuo commento, anche a noi fa piacere sapere come la pensi, grazie :)